Problematiche in Età Evolutiva

"Le FIABE NON RACCONTANO AI BAMBINI CHE I DRAGHI ESISTONO. I BAMBINI SANNO GIA' CHE I DRAGHI ESISTONO. LE FIABE RACCONTANO AI BAMBINI CHE I DRAGHI POSSONO ESSERE UCCISI" G. K. Chesterton

“LE FIABE NON RACCONTANO AI BAMBINI CHE I DRAGHI ESISTONO. I BAMBINI SANNO GIA’ CHE I DRAGHI ESISTONO. LE FIABE RACCONTANO AI BAMBINI CHE I DRAGHI POSSONO ESSERE UCCISI”
G. K. Chesterton

 

Molto spesso, nella mia esperienza con i bambini e le loro famiglie, ho potuto riscontrare la tendenza da parte dei genitori ad allontanare da sé l’idea che il proprio bambino possa trovarsi in una situazione di difficoltà. Ciò è comprensibile. Chi si vorrebbe proteggere più dei propri figli. Tuttavia, proprio perché il bambino si trova in una situazione di “evoluzione” continua e di crescita, in cui ogni tappa successiva si consolida sulla base di quelle precedenti, siamo chiamati ad uno sforzo maggiore nell’individuare e nel non trascurare eventuali segnali di disagio, evitando in questo modo l’instaurarsi di situazioni più problematiche.

In un complesso sistema, che possiamo definire bio-psico-sociale, è il percorso evolutivo, a partire dalla prima infanzia, quello che determina lo sviluppo delle personalità. Il bambino che sperimenta un disagio quasi mai lo comunica direttamente; piuttosto ci porta dei sintomi che possono collocarsi a più livelli. Possono esprimersi su un piano propriamente comportamentale (aggressività, disturbi della condotta, ripiegamento su di sé), sotto forma di somatizzazioni vere e proprie (cefalee, mal di pancia, enuresi/encopresi, di cui si escluda un’origine organica) o ancora attraverso ansie, fobie, rifiuto e difficoltà scolastiche, disturbi dell’alimentazione e del sonno.

Oltre alle difficoltà più propriamente legate al percorso evolutivo, è necessario prendere in considerazione altri eventi di vita che possono influire sul benessere del bambino : eventi luttuosi, traumatici, separazioni da persone care e ogni altra modificazione a carico della classica struttura familiare. Oggi sempre più spesso la famiglia è una famiglia allargata e ciò spesso richiede ai bambini notevoli capacità di adattamento e di orientamento nell’affrontare sia il mondo esterno che gli stati emotivi, a volte caotici, del proprio mondo interno.

Prendere coscienza, attribuendo valore e importanza a questi segnali , costituisce già un primo passo verso la comunicazione e la ricerca di soluzioni funzionali per il bambino e la sua intera famiglia.


 

AMBITI DI INTERVENTO

  “L'INFANZIA E' IL SUOLO SUL QUALE ANDREMO A MARCIARE PER TUTTA LA VITA.”  L. Luft


“L’INFANZIA E’ IL SUOLO SUL QUALE ANDREMO A MARCIARE PER TUTTA LA VITA.”
L. Luft

Sostegno nelle fasi di cambiamento del bambino

Difficoltà scolastiche e Disturbi dell’Apprendimento

Disturbi della condotta e manifestazioni di aggressività

Difficoltà a mantenere l’attenzione

Difficoltà emotive e relazionali

Difficoltà che coinvolgono l’alimentazione e il sonno del bambino

Situazioni di separazione della coppia genitoriale

Disagio adolescenziale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...